Palazzo Reale di Torino
Eventi
Didattica
Percorsi di visita
Didattica
Orari di visita
Didattica
Come arrivare
Didattica
Contatti
Didattica
Didattica
Didattica
Accesso riservato
Didattica

Appartamento Dinastico

INTRODUZIONE

SCALONE D'ONORE

SALONE DELLA GUARDIA SVIZZERA

SALA DEI CORAZZIERI

SALA DEGLI STAFFIERI

SALA DEI PAGGI

SALA DEL TRONO

SALA DELLE UDIENZE

SALA DEL CONSIGLIO

GABINETTO CINESE

CAMERA DA LETTO DI CARLO ALBERTO

GALLERIA DEL DANIEL

SALA DA PRANZO

SALA DEL CAFFE'

SALA DELL'ALCOVA

SALA DEI MEDAGLIONI

SALA DA BALLO

SCALA DELLE FORBICI

SALA DELLA COLAZIONE

Particolare
SALONE DELLA GUARDIA SVIZZERA
Questo ambiente, il più imponente del Palazzo. ebbe fin dal ’600 funzione di rappresentanza e collegamento delle varie parti dell’edificio. A quel tempo era detto Sala delle Glorie Sassoni per gli affreschi che ancora ne decorano il fregio, opera dei fratelli Fea, che nel 1660 vi rappresentarono Principi Sassoni discendenti da Vitichindo dai quali i Savoia, per attribuirsi maggior prestigio, facevano risalire l’origine della dinastia. Fu poi detto Salone della Guardia Svizzera per la presenza del corpo militare che lo presidiava. Il grande camino barocco, sormontato da tre putti cinquecenteschi in marmo e da tre busti di imperatori romani, è opera degli scalpellini Carlo Pozzo e Alessandro Casella. Sulla parete opposta si trova la tela commissionata da Carlo Emanuele I a Jacopo Palma il Giovane nella seconda metà del ’500, raffigurante La Battaglia di S. Quintino, avvenuta nel 1557: ad essa prese parte Emanuele Filiberto di Savoia, che vi guidò le armate spagnole alla vittoria sui francesi. A tale battaglia seguirono i trattati di Cateau-Cambresis grazie ai quali, nel 1563, avvenne il trasferimento della capitale del ducato da Chambéry a Torino.
Nell’800, Carlo Alberto incaricò Pelagio Palagi, artista preposto dal 1834 alla decorazione dei Reali Palazzi, di rinnovare il Salone. Fu rifatto il soffitto a cassettoni e nel 1842 Carlo Bellosio realizzò la tempera centrale raffigurante Il Conte Verde, Amedeo VI, nell’atto di istituire l’ordine supremo della Santissima Annunziata nel 1362. Le pareti, un tempo coperte da parati in cuoio, furono rifinite con stucco lucido ad imitazione del marmo verde di Susa con cui furono realizzati il basamento e i due tavoli a muro al di sotto dei quali si scorgono ancora le bocche di calore utilizzate già nell’800 per riscaldare diversi ambienti, Palagi disegnò anche i grandi candelieri in bronzo in origine funzionanti con impianto di illuminazione a gas e poi elettrificati.





Autore: SILVIA BLANCHIETTI Ultimo aggiornamento: 14/Mar/2014 1:30:44 PM
Palazzo Reale di Torino. Eventi, Mostre, Attivita', Storia, Orari di visita e Tour virtuale del Palazzo Reale di Torino - Piazzetta Reale 1,10122 - Torino T:+39 011 43.61.455
Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le Province di Torino, Asti, Cuneo, Biella e Vercelli | Credits
Palazzo Reale di Torino - Compagnia di San paolo - Associazione 'Amici di Palazzo Reale' Compagnia di Sanpaolo

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido!